E’ stato un weekend da incorniciare quello che si è appena concluso per le ragazze del Futurosa Alyssa Cristofaro, Anna Turel, Giorgia Sammartini e Matilde Franca che, assieme a coach Alessio Scala erano impegnate da venerdì fino a domenica alle Finali Nazionali 3×3 U18, disputate a Castellana Grotte (Bari).

La formazione, che rispetto alla Fase Regionale ha visto l’innesto di Alyssa e Matilde in sostituzione delle assenti Alice Dobrigna e Clara Rosini, è stata capace di conquistare uno strepitoso 6° posto finale, dando filo da torcere (e, in un caso, battendo!) due delle 3 formazioni che poi hanno conquistato un posto sul podio finale.
Grande inizio di manifestazione per le rosanero, capaci di concludere la prima giornata di sfide da imbattute e prime nel girone grazie alle vittorie su Trogylos Priolo (15-7), Minibasket Battipaglia (8-4) e Reyer Venezia, poi terza classificata, per 12-9.

L’indomani, negli scontri incrociati con le formazioni del girone B, le ragazze di coach Scala hanno superato la Virtus Albano per 12-11 e Feba Civitanova per 13-8, mentre hanno visto disco rosso contro Nuova Matteotti Corato (9-15) e contro le poi Campionesse d’Italia di Amatori Savona, dopo un tempo supplementare, per 15-13, concludendo così seconde e meritando l’accesso alla fase successiva.

Giunte ai quarti, le rosanero non sono però riuscite a sconfiggere le abruzzesi di Roseto Panthers che, vittoriose per 8-5, hanno messo fine ai sogni di gloria delle triestine.

“Il risultato che abbiamo raccolto è sicuramente al di sopra delle aspettative, le ragazze sono state bravissime – è stato il commento “a caldo” di un raggiante Alessio Scala. Abbiamo chiuso al primo posto un girone abbastanza impegnativo, battendo la Reyer, poi terza, e l’indomani rischiando il colpaccio contro Savona, poi prima. Nella sfida contro Roseto siamo forse arrivate un po’ scariche ma questo non toglie nulla a quanto di buono abbiamo fatto. E’ stata sicuramente un’ottima esperienza per le ragazze e, cosa non da meno, ancora una volta abbiamo portato in alto il nome della nostra società”. #FORNA